STATUTO

Associazione Organistica del Canavese
I - COSTITUZIONE, SEDE E DURATA
E’ costituita l’associazione denominata “Associazione Organistica Del Canavese” (AODC) con sede in Ivrea (To), con durata illimitata.

II - SCOPO
L’Associazione è apolitica, aconfessionale e non ha fini di lucro, ma persegue lo scopo principale di tutelare e valorizzare gli organi storici e non del Canavese, della Diocesi di Ivrea e del territorio viciniore, con particolare riferimento alla diffusione e alla conoscenza dell’arte organaria e della musica organistica. A tale fine, l’Associazione si proporrà di:
- organizzare e allestire eventi musicali e culturali, concerti, rassegne, guide
all’ascolto e conferenze a tema;
- sensibilizzare la comunità, con particolare attenzione alle giovani generazioni, e
creare rete fra organisti locali (professionisti e non), cultori, musicisti e appassionati;
- attivare corsi di educazione e insegnamento musicale, in particolare organistico e
liturgico, masterclass, visite guidate, attività pedagogiche e collaborazioni con
istituti scolastici;
- curare la raccolta, la conservazione, la pubblicazione e la diffusione del patrimonio
organario e musicale organistico, con particolare attenzione all’opera degli artisti
locali, e promuovere un’attività di catalogazione e di ricerca storico-filologica
riguardante gli strumenti del territorio;
- promuovere il restauro degli organi storici nel territorio canavesano e viciniore,
offrendo consulenza gratuita e professionale in fase di progettazione;
- favorire scambi con analoghe associazioni e istituzioni italiane ed estere,
collaborare con enti locali e con le istituzioni ecclesiastiche, anche in ambito
liturgico;
- svolgere qualsiasi altra attività o servizio utile a promuovere e a diffondere la
conoscenza della cultura musicale, specialmente organistica.

III - MEZZI FINANZIARI DI GESTIONE
Per lo svolgimento della sua attività l’Associazione utilizzerà: conferimenti annuali di denaro per partecipazione degli associati; proventi derivanti dalle prestazioni delle attività e manifestazioni organizzate o alle quali l’Associazione partecipa; rimborsi derivanti da convenzioni e/o servizi destinati ai soci; elargizioni e sovvenzioni provenienti da enti pubblici e da privati. Le somme versate per le quote sociali sono a fondo perduto e non sono rimborsabili in nessun caso. E’ fatto divieto, durante la vita dell’Associazione, alla distribuzione anche in modo indiretto di utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitali, salvo che la distribuzione o la destinazione venga imposta per legge. L’esercizio sociale finanziario decorre dal 1° gennaio e chiude al 31 dicembre di ogni anno. L’Associazione ha l’obbligo di impiegare gli utili o gli avanzi di gestione per la realizzazione delle attività istituzionali e di quelle ad esse direttamente connesse, restando conseguentemente escluso ogni scopo di lucro. L’Associazione, anche ai fini fiscali, deve considerarsi ente non commerciale. In caso di scioglimento dell’Associazione per qualunque causa è fatto obbligo di devolvere il patrimonio sociale ad altre organizzazioni non lucrative con finalità analoghe o a fini di pubblica utilità, salvo diversa destinazione imposta dalla legge.

IV - SOCI
Possono far parte dell’Associazione le persone fisiche, le persone giuridiche, gli Enti pubblici e gli Enti privati che intendono concorrere alla realizzazione dello scopo sociale; il numero degli associati è illimitato. Ogni socio ha diritto di partecipazione e di voto in sede di assemblea, senza limitazione. E’ espressamente esclusa la temporaneità della partecipazione alla vita associativa. L’Associazione prevede tre categorie di soci: a) soci attivi: sono i fondatori dell’Accademia e tutti coloro che gestiscono l’associazione; b) soci ordinari: sono tutti gli altri sostenitori che aderiscono all’Accademia con l’iscrizione ad essa, versando la quota associativa, il cui importo è fissato annualmente dal Consiglio direttivo; c) soci onorari: sono quelli che per la frequentazione dell’Associazione o per aver contribuito economicamente o esercitato attività in favore dell’Associazione stessa ne hanno sostenuto lo scopo e la sua valorizzazione; in virtù di tali apporti monetari e non, tale categoria è esonerata dal versamento della quota associativa annuale.
Qualsiasi socio può in qualunque momento notificare in forma scritta al Consiglio direttivo la sua volontà di recedere dal novero dei soci. Tale risoluzione ha efficacia immediata dal momento in cui il Consiglio direttivo riceve la notifica del recesso. I Soci che non pagano la quota associativa annuale entro l’anno solare cui essa si riferisce, manifestano tacitamente la loro volontà di recedere dal novero dei soci, decadono automaticamente dal 1° gennaio dell’anno successivo. Qualsiasi socio può essere escluso con deliberazione del Consiglio direttivo e con obbligo di motivazione,
ratificata entro 30 giorni dall’Assemblea dei Soci, per motivate gravi ragioni e in caso di grave pregiudizio alla funzionalità ed efficienza dell’Accademia. A seguito della suddetta ratifica, l’esclusione è da considerarsi esclusiva ed inappellabile. L’esclusione di un Socio può essere proposta al Consiglio direttivo da un gruppo costituito da almeno 10 Soci. Tale proposta deve essere ampiamente motivata e deve pervenire al Consiglio direttivo in forma scritta e il Consiglio medesimo dovrà provvedere a discutere la stessa entro 15 giorni dalla ricezione della proposta sopraindicata. Il socio non ha diritto alla restituzione delle quote associative versate nemmeno in caso di scioglimento dell’Associazione o nel caso di decesso, estinzione, recesso o esclusione dall’Associazione stessa.

V - ORGANI SOCIALI
Sono organi sociali dell’Associazione: il Consiglio direttivo, l’Assemblea dei Soci, i Comitati e le Commissioni tecnico-scientifiche.

VI - CONSIGLIO DIRETTIVO
Il Consiglio direttivo è composto da: Presidente, Vice Presidente, Segretario generale, Tesoriere e Consiglieri. Il Consiglio direttivo, con carica permanente (a meno di cause o necessità particolari), ha tutti i poteri necessari per l’amministrazione ordinaria e straordinaria dell’Associazione, con i seguenti compiti: a) elaborare il programma delle attività dell’Associazione, provvedendo alla sua attuazione; b) stabilire le quote di partecipazione ai corsi e alle attività; c) provvedere a inoltrare le opportune richieste di contributi a Enti o privati per sostenere le finalità dell’Associazione; d) amministrare il patrimonio sociale nei limiti delle disponibilità; e) determinare le quote annue di associazione; f) redigere il rendiconto economico e finanziario di gestione annuale. Tutti gli incarichi sociali si intendono esercitati a titolo gratuito, fatti salvi gli eventuali rimborsi per le spese sostenute nell’espletamento degli incarichi medesimi. Tutti i membri del Consiglio direttivo hanno eguale diritto di voto per ogni decisione del Consiglio stesso.
- Presidente e Vice Presidente: il Presidente dirige e coordina tutte le attività dell’Associazione, vigila sull’amministrazione, convoca l’Assemblea dei Soci, detiene la rappresentanza legale di fronte a terzi ed anche in giudizio. Egli potrà quindi rappresentare l’Associazione in tutti gli atti, contratti, giudizi, nonché in tutti i rapporti con enti, società, associazioni, istituti pubblici e privati. Le funzioni del Presidente, in caso di suo impedimento o assenza, sono svolte dal Vice Presidente.
- Segretario generale: compila i verbali delle riunioni del Consiglio direttivo e dell’Assemblea dei Soci, coadiuva il Presidente nell’attuazione delle deliberazioni di quest'organo, sovrintende e attua i servizi amministrativi dell'Associazione, provvede alla tenuta e all’aggiornamento del Libro dei Soci ed esegue le convocazioni delle
riunioni, in qualità di moderatore, del Consiglio Direttivo, predisponendo l’ordine del giorno in accordo col Presidente. Può essere delegato dal Presidente alla firma di atti amministrativi ordinari.
- Tesoriere: collabora con il Presidente e a lui spetta il compito di provvedere alla tenuta e all’aggiornamento dei libri contabili e alla predisposizione del progetto di bilancio dell'Associazione. Per l’adempimento degli obblighi contabili e per la redazione di documenti e prospetti di sintesi, contabili, di bilancio, il tesoriere può avvalersi di collaboratori o professionisti con il consenso del Consiglio Direttivo. Il Tesoriere può essere delegato dal Presidente alle operazioni di incasso e di pagamento, sia a mezzo contanti che con l’utilizzo di conti correnti bancari e postali indicati dal Consiglio Direttivo. Egli è responsabile dei depositi in contanti e valori costituenti la cassa dell’Associazione.
- Consiglieri: costituiscono la restante parte del Consiglio direttivo, con funzione di consulenza e supporto, nonché di collaborazione attiva con gli altri membri del direttivo.
Il Consiglio direttivo si riserva la facoltà di assegnare ai membri dello stesso, in comune accordo e/o a seconda di competenze specifiche, delle cariche informali aggiuntive, finalizzate alla gestione degli aspetti tecnici e organizzativi subordinati all’attività dell’Associazione stessa.

VII - ASSEMBLEA DEI SOCI
L’Assemblea dei soci è composta da tutti gli iscritti all’Associazione in regola con il versamento della quota associativa annuale. L’Assemblea dei soci viene convocata in seduta ordinaria dal Consiglio direttivo almeno una volta all’anno, e in seduta straordinaria ogni volta che il Consiglio direttivo ne ravvisi la necessità oppure su richiesta motivata di almeno un terzo dei soci. La convocazione dell’Assemblea viene effettuata, almeno sette giorni prima, dal Consiglio direttivo in persona del Presidente mediante posta elettronica oppure in alternativa mediante lettera ai soci e/o mediante affissione presso la sede dell’Associazione. L’Assemblea ordinaria dei soci discute e approva il bilancio consuntivo e preventivo presentato dal Consiglio direttivo sulle attività svolte e su quelle da svolgere, fissa gli indirizzi dell’attività dell’Associazione e delibera ogni altro argomento e questione previsti dall’ordine del giorno. L’Assemblea straordinaria dei soci delibera in merito alle variazioni statutarie e allo scioglimento dell’Associazione. L’Assemblea dei soci sarà valida con la presenza della maggioranza degli iscritti in prima convocazione, con qualunque numero di soci presenti in seconda convocazione, da tenersi comunque mezz’ora dopo la prima. Per la validità delle deliberazioni dell’assemblea occorre il voto favorevole della maggioranza dei presenti.

VIII - COMITATI E COMMISSIONI TECNICO-SCIENTIFICHE
La presente Associazione si avvarrà di comitati e di commissioni tecnico-scientifiche, permanenti o a durata limitata a seconda delle necessità, create dalla stessa e finalizzate alla realizzazione di progetti particolari, nonché al supporto, all’integrazione e alla consulenza circa tematiche specifiche legate all’attività dell’Associazione. Tali organi saranno costituiti da un numero variabile, a seconda dei casi, di Soci (volontari o scelti secondo determinati ruoli o competenze) e da almeno un membro del Consiglio direttivo in qualità di referente/responsabile.

IX - SCIOGLIMENTO E LIQUIDAZIONE
La decisione di scioglimento dell’Associazione potrà essere presa dal Consiglio direttivo per cause eccezionali o dalla maggioranza assoluta dei soci ad una apposita assemblea straordinaria dei soci.
L’Assemblea determinerà la modalità della liquidazione, procedendo alla nomina di un liquidatore, scegliendolo tra i Soci e determinandone i poteri.
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram